Annunci di Lavoro

Informazioni per ottenere un Prestito Veloce

Cosa fare e cosa sapere per richedere un Prestito Veloce

In linea generale le modalità con le quali vengono concessi i prestiti veloci, variano a seconda del saldo possibile. I prestiti vanno da 1.000 a 40.000 euro, ed è necessario attendere 24 ore dalla richiesta per un'eventuale risposta di finanziamento.

Non è consentito cambiare le modalità del prestito a seconda del debitore, così facendo la richiesta è ampliabile anche a coloro i quali sono considerati ' cattivi pagatori'.

I destinatari che posso accedere a questo tipo di finanziamento, sono: lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato ( statali, pubblici o privati), contratto di formazione, contratto di apprendistato o pensionati.

Il prestito ottenuto comporta rate a tasso fisso, solvibili, anche, in una sola volta. Le rate vengono regolate durante la stipula del contratto. Le modalità di pagamento avvengono tramite addebito su conto corrente o attraverso bollettino postale.

Esistono parametri standard per la presa in esame della concessione del prestito.
I dati da vagliare per la concessione del finanziamento sono:

  • I dati anagrafici del richiedente (nome, cognome, indirizzo, professione, reddito).
  • La documentazione relativa alla situazione finanziaria.
  • Il rapporto di credito fornito dalla Centrale Rischi.

Nei dati da vagliare s'intendono anche: Documento d'identità valido, codice fiscale, busta paga, cedolino o dichiarazione dei redditi.

Bisogna tenere presente che nonostante i parametri rimangano sempre gli stessi, i vari finanziatori possono avere idee distinte.

Prestiti Veloci

Istituti finanziari differenti possono avere un'idea diversa riguardo lo stesso tipo di finanziamento da effettuare.

Una volta accettata da parte del finanziatore la richiesta di un prestito, si stipula un contratto.

Gli elementi del contratto sono:

  • Il nome del soggetto, banca o istituto finanziario che eroga il prestito.
  • I dati anagrafici del richiedente
  • Il tasso di interesse praticato
  • L'ammontare del finanziamento
  • Le modalità del finanziamento
  • Il numero delle rate, l'importo e la data di scadenza delle singole rate.
  • Il TAEG (tasso annuale effettivo complessivo)
  • Gli oneri in caso di mora
  • Eventuali garanzie e coperture assicurative richieste.
  • Oneri esclusi dal calcolo del TAEG («Il TAEG è una misura, espressa in termini percentuali, con due cifre decimali e su base annua, del costo complessivo del finanziamento. Diversamente dal TAN, il TAEG è comprensivo di eventuali oneri accessori, quali spese di istruttoria e spese assicurative, che sono a carico del cliente»).

Modalità di recesso.

L'inadempiente o il ritardatario rischiano di diventare clienti inaffidabili e questo gli può causare una ' brutta fama' nel caso in cui, in un futuro, dovessero aver bisogno di altri prestiti veloci.

In linea di massima a chi non paga o paga in ritardo gli viene dato un aumento di interessi ed un conseguente pagamento di mora.

Dopo di che viene segnalato agli enti di tutela del credito.
In caso di inadempienza il finanziatore potrà rescindere il contratto.

La normativa stabilisce, come detto sopra, la possibilità di estinguere tutto il debito anticipatamente rispetto al termine concordato: per fare questo il debitore deve: versare il capitale residuo ancora dovuto, sul quale aggiungere un compenso che non può essere superiore all' 1%. più la somma degli interessi dovuti fino a quel momento.